Pagina 24 - Guida Scuole 2013-2014

Versione HTML di base

24
Q
uella della fusione degli
istituti è una vicenda
lunga e controversa, che
non ha mancato di suscitare ne-
gli anni polemiche, ricorsi e
molta confusione. In pratica, a
partire dal regolamento DPR
233/98 sul dimensionamento
degli istituti, le scuole di istru-
zione secondaria superiore che
avessero meno di 500-900 alun-
ni nel quinquennio del corso di
studi non avrebbero più potuto
mantenere la personalità giuri-
dica, dovendosi quindi accorpa-
re ad altri. Due i tipi di fusione
previsti: quella per “unione” e
quella per “incorporazione”: in
quest’ultima una scuola acqui-
sisce il patrimonio dell’altra che
quindi si estingue. Nell’accor-
pamento per unione, invece,
entrambi gli istituti trasferisco-
no i loro complessi istituzionali
in una nuova struttura scolasti-
ca, che avrà pertanto un nuovo
codice meccanografico. Nel ca-
so dell’accorpamento di due o
più istituti che prevedevano lo
stesso percorso formativo – due
licei, due istituti tecnici, ecc – la
denominazione non viene toc-
cata e rimane la stessa di quel-
la delle due precedenti scuole.
(Es.
Istituto
professiona-
le+istituto professionale= isti-
tuto professionale). Quando in-
vece ad essere accorpate sono
scuole di tipologie diverse – un
professionale e un tecnico – si
assume la nuova denominazio-
ne di Istituto d’istruzione supe-
riore. (Es. Liceo + Istituto tecni-
co= IIS). Negli IIS, gli organici ri-
mangono comunque distinti.
Negli ultimi anni molte scuole si
sono accorpate in ottemperan-
za alla razionalizzazione della
spesa relativa all’organizzazio-
ne scolastica prevista dalla leg-
ge 111/2011 (la conversione in
legge del famoso decreto Gel-
mini-Tremonti che ha portato a
600 il numero minimo di stu-
denti per avere l’autonomia) e
dalle successive modifiche ap-
portate dal Governo Monti.
Quando leggete la denomina-
zione IIS, quindi, significa che la
scuola offre percorsi formativi
eterogenei, che possono com-
prendere, ad esempio, l’istru-
zione liceale e quella tecnica.
L’accorpamento degli istituti
I.I.S.