Pagina 26 - Guida Scuole 2013-2014

Versione HTML di base

A
l termine della scuola media, oltre a
iscriversi ad una scuola secondaria
di secondo grado che dura cinque
anni (licei, istituti tecnici, istituti professio-
nali) è possibile scegliere un percorso di
Istruzione e formazione professionale
(IeFP) regionale della durata di tre anni, al
termine del quale si otterrà una qualifica
professionale (ricordiamo che una qualifica
regionale può essere ottenuta al termine
del terzo anno anche dai ragazzi che si
iscrivono ad un istituto professionale abili-
tato dalla Regione). Dopo la qualifica si
può decidere di entrare nel mondo del la-
voro o proseguire gli studi: l'IeFP prevede
infatti la possibilità di un quarto anno op-
zionale e specializzante riconosciuto a li-
vello nazionale, al termine del quale si ot-
tiene un diploma professionale.
Un'altra possibilità sono i percorsi biennali
integrati con l'Istruzione tecnica e l'Istru-
zione liceale artistica e delle scienze uma-
ne: lo studente partecipa (per una durata
massima di 400 ore) per i primi due anni al-
le attività didattiche proposte da un'agen-
zia formativa e da una scuola superiore e
poi può scegliere se frequentare il terzo
anno a tempo pieno nella formazione pro-
fessionale per conseguire una qualifica
professionale o nella scuola per conseguire
il diploma.
In ogni caso chi frequenta un percorso di
istruzione e formazione professionale può
rientrare nel sistema scolastico e la stessa
opportunità è offerta agli studenti della
scuola secondaria superiore che intendano
passare al sistema di Istruzione e formazio-
ne professionale per conseguire qualifiche
e diplomi professionali.
I corsi di formazione professionale sono
erogati dalle agenzie formative accredita-
te dalla Regione presenti sul nostro territo-
rio, le quali forniscono le competenze ade-
guate alla richiesta del mondo produttivo
dell’industria, del commercio, dell’artigia-
nato, delle arti, dei mestieri e dei servizi.
In questi percorsi si affrontano infatti in
prevalenza argomenti tecnici legati all’am-
bito lavorativo prescelto: sono previste, in-
fatti, molte ore di attività ed esercitazioni
pratiche sia internamente sia in azienda; al
termine del percorso si consegue una qua-
lifica professionale riconosciuta a livello
nazionale e spendibile subito sul mercato
del lavoro. Rispetto agli altri percorsi di
studio, l'IeFP ha la più alta percentuale di
ore tra laboratori e pratica. Le figure pro-
fessionali condivise con le Regioni, dal Mi-
nistero dell'Istruzione con il Ministero del
Lavoro sono 22, ma ciascuna Regione può
arricchire il panorama dei profili, rispettan-
do le aree di riferimento e le competenze
minime necessarie. Per essere sempre ag-
giornati sui percorsi triennali e le Agenzie
di formazione professionale che li attiva-
no,
potete
consultare
il
sito
www.regione.piemonte.it o il portale della
vostra Provincia dedicato all’orientamento.
1.
Operatore dell’abbigliamento
2.
Operatore delle calzature
3.
Operatore delle produzioni chimiche
4.
Operatore edile
5.
Operatore elettrico
6.
Operatore elettronico
7.
Operatore grafico
8.
Operatore di impianti termoidraulici
9.
Operatore delle lavorazioni artistiche
10.
Operatore del legno
11.
Operatore del montaggio e della manutenzione
di imbarcazioni da diporto
12.
Operatore alla riparazione dei veicoli a motore
13.
Operatore meccanico
14.
Operatore del benessere
15.
Operatore della ristorazione
16.
Operatore ai servizi di promozione ed accoglienza
17.
Operatore amministrativo - segretariale
18.
Operatore ai servizi di vendita
19.
Operatore dei sistemi e dei servizi logistici
20.
Operatore della trasformazione agroalimentare
21.
Operatore agricolo
22.
Operatore del mare e delle acque interne
26
FORMATIVE
Agenzie
Le 22 figure professionali condivise con le Regioni, dal Ministero
dell’Istruzione con il Ministero del Lavoro:
Obiettivo qualifica